Chiesa della Madonna del Lume

La Chiesa della Madonna del Lume o di San Mattia risale infatti al 1460 circa ed era sede dell’antica Congregazione dei Chierici di San Gaetano che si costituì nel 1641 con lo scopo di elevare l’educazione spirituale morale e culturale dei Grottagliesi alla cui scuola si formò pure San Francesco de Geronimo . La chiesa era di proprietà della famiglia Antoglietta Bucci e venne donata alla Confraternita del SS. Nome di Gesù il 10 luglio 1939 dalla signora Isabella pepe erede della famiglia proprietaria. La chiesa ha una facciata incompleta in cui spicca un curioso finestrone a sacco di polpo rovesciato ai lati del portale ci sono due nicchie scavate nel muro con le statue di San Gaetano e San Andrea Avellino. L’interno è decorato in un fastoso barocco settecentesco decorato dall’artista Nicolaus Coviello tra il 1720 e il 1740 e presenta oltre all’altare maggiore centrale sei altari laterali. Sull’altare maggiore fa bella mostra di sé una tela ad olio che rappresenta appunto la Madonna del Lume dipinta dallo stesso Coviello. All’interno della chiesa è ospitata la statua della Madonna Desolata che viene portata in processione il Venerdì di passione durante i Riti della Settimana Santa grottagliese dai membri della Confraternita del Santissimo Nome di Gesù. Il giorno di carnevale ed il giorno della commemorazione dei defunti all’interno della chiesa viene celebrata la Santa Messa in suffragio delle consorelle e dei confratelli defunti. Il venerdì ed il sabato precedenti la quinta domenica di Quaresima all’interno della chiesa viene invece compiuta la venerazione della Vergine Desolata on la contemplazione dei sette dolori di Maria.

Informazioni

Dettagli

  • Chiese e cattedrali

Contatti e informazioni

Condividi sui social